Come un candito acqua e sapone da Bonolis – NabikiBLòB! Skip to main content

Come un candito acqua e sapone da Bonolis

Nove anni fa scrivevo QUESTO per il Vani(ty)loquio.

Per chi non riesce ad accedere al link, spiego brevemente: un piccolo sfogo nei confronti di tutti quelli che durante le feste si mettono a scaccolare il panettone escludendone i canditi.

Io amo i canditi e amo il panettone. Si potrebbe dire che il panettone è il mio dolce preferito al di là delle feste. E io amo i pubblicitari della Motta.

Perché difficilmente dopo le polemiche (assurde) di questa estate per la serie di spot del BUONDI’, sti fenomeni potevano partorire idea ancor più geniale!

Questo video in cui appare all’inizio proprio lei, la bambina “maledetta” che vorrebbe un videoclip pieno di sentimenti autentici che possa coniugare sano buonismo natalizio con la capacità di riabilitare tutti gli eterni esclusi  ci prende tutti beatamente per i fondelli…perché a Natale siamo tutti più buoni, è vero, ma siamo anche spietati nei confronti dei canditi.

 

 

Dal buonismo bistrattato del “siamo tutti un po’ canditi a Natale” all’ansia convulsa e al declino totale il passo è a dir poco azzardato, eppure quelli di Acqua e Sapone ci sono riusciti.

Innanzitutto il modello è quello di mini-televendita che va in onda tra una puntata e l’altra di una soap, che mi ricorda tanto quei pomeriggi annoiati da studentessa che si appassionava più ad “EMPORIO PER VIVERE” che a Vivere (se non sapete di cosa sto parlando andate su Cassetti della Memoria) in questa pubblicità c’è la sublimazione totale del trash, partendo dalle due protagoniste, rappresentanti di una categoria a cui vorrei appartenere: “quelle che non capiscono un cazzo e vivono felici”, poi c’è lui, la star in declino. Poi c’è l’ansia, il passare dallo stalking al taccheggio, il parlare in maniera diretta allo spettatore bombardandolo di informazione, promozione, offerta, con voce velocissima a fettine sottili sottili che non puoi dire di no (cit.), infine…c’è IL CHIAVATAPPI e la CNVNINZIA di un Ridge di Beautiful che somiglia sempre più a Mal dei Primitives.

Se il video promozionale della Motta è una delle cose più belle di questo Natale incombente, anche la BRUTTEZZA ASSOLUTA di questa promozione è una delle cose più esilaranti di queste feste. E ci vuole del genio anche per fare una cosa brutta eh, che vi credete!

 

E continuiamo a parlare di declino. Ieri sera avevo la febbre alta e ho avuto le visioni.

C’era Marilyn Manson che conversava amabilmente con Bonolis, in una delle interviste più sconclusionate della storia televisiva, con inquadrature ad effetto sul pubblico tra cui spiccavano genti con la faccia pinzerata, lenti a contatto di colore diverso, aspiranti vampiri e borchie sparse.

Ora, ovviamente le polemiche si son sprecate, è ovvio che Marilyn Manson è un personaggio controverso, come ha detto lui stesso, un bersaglio facile, e Bonolis è stato furbo ad invitarlo per la prima puntata di MUSIC, trasmissione che senza cotanto ospite annunciato ieri sera, sarebbe sembrata identica a quell’altra minchiata che hanno da poco finito di propinarci in RAI (con Serena Rossi e Neri Marcorè, non ricordo il titolo).

Manson c’ha una gamba ingessata, Bonolis invece di chiedergli se è caduto dal palco come un Facchinetti qualsiasi, gli domanda “perché San Valentino è un giorno tragico?” no, scusa Paolo, questo lo puoi anche domandare a me, mica c’è bisogno di scomodare Marilyn Manson!

Poi tutta una serie di questioni di cui si conosce già la risposta:

Quello è davvero il sigillo di Lucifero?
E’ vero che una volta hai tirato i tuoi genitali al pubblico?

E’ vero che ti è piaciuta la serie “the young pope” di Sorrentino?

Sempre per la scuola di pensiero di un’intervista fuffa, l’essenziale è iniziare la domanda con “E’ vero che”

Poi Manson ci racconta di come una cicciona lo abbia cacciato dal Vaticano e lui abbia ripiegato su Mc Donald.

Poi il colpo di genio: Bonolis fa incontrare il cantante più buono del mondo con il cantante più cattivo del mondo, entra Gianni Morandi con tutte le sue mani, il simpatico terzetto posa per un selfie che ha del surreale ma reale e che ha scatenato le polemiche sulla pagina facebook di Gianni Nazionale già da prima della messa in onda.

Manson canta “sweet dreams” e ci regala anche una scatarrata a favor di camera, dopo di che ho spento, avevo la febbre a 38 e mezzo, troppo tutto insieme.

In conclusione a Natale siamo tutti canditi, anche Ridge di Biutiful, Marilyn Manson e soprattutto Gianni Morandi.

 

Grazie dei fiori

Nabiki :*

avatar

Nabiki

Amo le cose che non interessano a nessuno, guardo tanta tv ma con un occhio solo, bevo latte e menta, dormo cinque ore a notte, ho quattro carlini in meno di Marina Ripa di Meana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *