Sanremohorrorpictureshow 2017- gli up & down, la vendetta del televoto elimina mostri sacri, Gigi D’Alessio non c’è rimasto male | NabikiBLòB!

Rss

  • google

Sanremohorrorpictureshow 2017- gli up & down, la vendetta del televoto elimina mostri sacri, Gigi D’Alessio non c’è rimasto male

Buongiorno a tutti voi, amici del Nabikiblòb!

Velocemente un breve recap della serata che ha visto protagonista la gara (finalmente).

Del girone dei giovani quest’anno ce ne è fregato davvero poco, ha trionfato il fidanzato di Elodie, tale Lele, amico di Maria e lasciate perdere le polemiche, se lo è addirittura meritato tanto erano porelli gli altri contendenti.

La canzone di Lele (che almeno un nome d’arte se lo poteva trovà) ricorda vagamente il miglior Daniele Stefani dei tempi che furono…orecchiabile quanto basta, radiofonica e sanremese allo stesso tempo.

Voto 7 alla canzone, 10 a Lele che con due rispostine a tono asfalta Luzzatto Fegiz al dopofestival.

Voto 4 al dopofestival di Nicola Savino che smorza le polemiche.

Io adoro le jem session, le incursioni di Pantani vestito da Roberto D’Agostino, i gialappi  e quello che vi pare, però se c’è una cosa che tanto mi piacerebbe rivedere sono le risse coi giornalisti, cosa che purtroppo in un clima di “volemose bene” non si può più fare.

E che qualcuno dica a Savino che non sa imitare Costanzo!

 

Ormai dopo 4 giornate campali e serate interminabili possiamo dare gli up&down del festival e delle canzoni dei big, con qualche previsione sulla gara e qualche considerazione sparsa.

 

 

UP:

 

Marco Masini: al secondo ascolto live migliora, la versione radiofonica rimane comunque migliore. Voto 7, prevedo un dignitoso ottavo posto.

 

Bianca Atzei: sorprendentemente Kekkodeimodà ha fatto il miracolo.

Il testo è uno dei suoi ok, ci sono le nuvole, le carezze addosso, la voglia di partire e quello che vi pare, però l’idea di accompagnare il tutto da quel tipo di sonorità anni 60 funziona tantissimo. Bianca poi si commuove a metà del ritornello vedendo Max Biaggi in platea, grande riscatto per lei. Voto 8 e se tutto va bene arriva ultima ma stavolta immeritatamente.

 

Baci Perugina: Dopo Tiziano Ferro e Fedez quest’anno le frasi dei baci di San Valentino vengono appioppate a the queen Laura Pausini. Voto 10 e caccia al bigliettino “JO LA TENGO COMO TODAS”

 

Samuel: Anche se è simile agli altri due singoli di questo disco solista, a me la canzone di Samuel piace sempre di più. Voto 7 e arriva dodicesimo.

 

Ron: ieri Ron ha cominciato a cantare mentre ero intenta a salutare il ritorno a casa della mia dolce metà…senza guardare la tv devo dire che è forse uno dei brani più carini del buon vecchio Rosalino. Voto 6 perché sono romantica, non prevedo niente perché l’hanno segato.

 

Giusy Ferreri: A mio avviso la canzone migliore presentata a Sanremo in tutte le sue partecipazioni, Giusy purtroppo penalizzata dalle stecche e dagli abbassamenti improvvisi di voce. Alla radio funziona abbastanza, Takagi e Kedra sono una garanzia. Voto 7 al brano, segata anche lei.

 

Francesco Gabbani: è il loop di quest’anno, come Amen era quello dell’anno scorso, la trovata della scimmia è la cosa più bella di questo festival, certo che fa impennare la mia preferenza! Voto 10 e lode con bacio accademico. Prevedo un podio e spero in una vittoria a sorpresa.

 

Paola Turci: a parte che è la meglio vestita del festival, elegante e mai volgare, bellissima. Adoro la sua canzone, lei canta benissimo, il messaggio è positivo, che voi deppiù? Voto 9. Prevedo un quarto posto ma la vorrei sul podio.

 

Gigi D’Alessio: l’eliminazione di Gigi ieri sera è stata abbastanza scioccante. Lui ripeto, fa il suo mestiere in maniera dignitosa, è indubbiamente il reuccio di un genere popolare, una realtà esistente di cui tutti dobbiamo farcene una ragione, anche se musicalmente lo detesto tocca essere obiettivi. Voto 10 per come ha reagito all’esclusione:

 

 

 

 

 

STABILI:

 

Carlo Conti: ieri sera meno broccolante del solito, leggermente più spiccio. Voto 7

 

Fiorella Mannoia: continua ad essere la favorita per forza di questo festival, continuo a trovarla ammorbante allo stesso modo ma riconosco l’artista e sottolineo che è sempre un mio limite se non la reggo. Voto 6 e vince lei

 

Michele Bravi: sto ragazzino mi piace anche se non ha una gran voce, l’interpretazione è giusta, il brano è forse uno dei migliori dell’intera rassegna. Voto 7 e arriva settimo.

 

Clementino: continuo a trovarlo uno dei meno peggio di questo festival, Voto 6 e arriva quindicesimo.

 

Ermal Meta: rimane stabile la sua canzone mi piace moltissimo. Voto 8, lo vorrei sul podio ma prevedo un decimo posto e il premio della critica.

 

Zarrillo: continua esattamente a fare Zarrillo. Voto 5 e arriva tredicesimo se tutto va bene.

 

 

DOWN:

 

Maria De Filippi: vogliamo dirlo che sti portachiavi hanno rotto le palle? La faccia da festival coi dentoni de Fedez…mapperfavore! Maria la salvo giusto quando fa il “momento c’è posta” e che ognuno faccia il suo! Voto 5

 

Chiara: un due palle senza se e senza ma. Voto 4 la vedo quattoridicesima

 

Sergio Sylvestre: già la canzone fa cagare (del resto l’ha scritta Giorgia che diciamolo…non è che sia sta grande autrice!), se poi anche lui che c’ha il vocione la canta di cacca…boh, non so che pensare. Voto 4 e prevedo un quinto posto, anche se c’è chi dice podio.

 

Elodie: Brano insulso, brutto, interpretazione sopravvalutata. Voto 3 e capace arriva terza (gufiamo il più possibile)

 

Alessio Bernabei: #abbattetelo. Voto 0 e arriva undicesimo.

 

Lodovica Comello: ma davvero, il nulla cosmico. Voto 2 e questa arriva sesta se je dice male…mannaggia a ste mamme succubi delle figlie fissate con Violetta che televotano per far mangiare la minestrina alle pargole.

 

Al Bano: d’accordissimo per l’eliminazione, caro Al Bano l’abbiamo fatto per te! è stata una sofferenza vederti così. Voto 5 solo perché sei la metà del mio idolo.

 

Fabrizio Moro: lo vedo e mi da’ l’ansia, Voto 5 e si piazza nono senza meritarlo.

 

Virginia Raffaele: apprezzabile il fatto di portare alla ribalta personaggi che non sono proprio contemporanei, solo che Sandra Milo è un po’ come sparare sulla croce rossa. Voto 6, sottotono rispetto alle altre sue imitazioni.

 

Marìka la moglie di Eros: ma vedi de annattene va’! l’inutilità

 

Bene, stasera abbiamo l’ultimo commentone su facebook e io mi metto anche in diretta qui sul blog ad assegnare i nabikini d’oro. Eh sì, quest’anno niente podcast perché io e La Giulia siamo lontane, ma virtualmente ci troverete tutti quanti qui:

Sanremohorrorpictureshow

 

Namasté alé!

Grazie dei fiori

La vostra

Nabiki :*

Comments are closed.

Comments (3)

  1. avatar Mary

    Guardare il Festivallo insieme a tutti i Nabikinos è stato bello! Sono d’accordo con te su tutto 🙂

  2. avatar annikaLorenzi

    d’accordo davvero su quasi tutti tranne la canzone di Elodie che mi è piaciuta ( ma devo riascoltarla)!