SanremoHorrorPictureShow 2019- prima serata (diretta web) – NabikiBLòB! Skip to main content

SanremoHorrorPictureShow 2019- prima serata (diretta web)

per l’ultimo anno siamo qui in diretta web e su facebook con il COMMENTONE in tempo reale

Bentrovati nabikini belli, questi del decimo SanremoHorrorPictureShow saranno gli ultimi post di questo blog a cui ho dedicato anima, sangue, occhi… tra programmi di Real Time e talent show poveracci, orrende fiction (sulla pagina fb del Nabikiblob troverete addirittura i riassunti della Dottoressa Giò) e interminabili nottate sanremesi.

Del resto a quest’ultimo evento non potevo mancare e non potevo congedare codeste pagine senza “chiudere col botto” e il botto l’ho fatto letteralmente qualche giorno fa, ma è un’altra storia, un altro pianeta.

Passiamo al Festival… a breve si aprirà la prima serata di questa assurda maratona a cui ogni anno ci sottoponiamo. Alla mia destra c’è lei, impareggiabile, preziosa, unica esperta di fashion, trucco e parrucco, La Giulia.

Alla mia sinistra invece c’è il mio “Marino Bartoletti”, un’amicizia nata sotto il segno di Sanremo, su questi schermi che ne sono la testimonianza…il nostro “storico del Festival” Halfangel, detto anche Daniel Di Benedetto.

E poi ci sono loro, il resto del “cucuzzaro”, gente che si è aggiunta negli anni, che freme, che non vede l’ora e che sta già affilando le tastiere per il commentone che presto prenderà vita sulla pagina dell’evento #SanremoHorrorPictureShow2019, presto li leggerete, sono scatenatissimi.

3, 2, 1… CHE LA FESTA COMINCI!

INIZIO DIRETTA WEB

20.50 COMINCIA IL FESTIVAL con un balletto sulle note di “Via” di Claudio Baglioni che canta da un trampolino insieme a Bisio e alla Raffaele.

La Giulia: “voglio andar via, cinque minuti di Festival ed ha già letto nei miei pensieri”

Daniel: qui si parte con VOGLIO ANDAR VIA, nettamente un j’accuse contro i migranti.

Baglioni spara un pippone sull’energia, l’euforia, la poesia, la simmetria, verso la meta dell’armonia.

Alessandra: “e se lo dice Agonia…”

20.58 FRANCESCO RENGA

Problemi di audio, Renga non rende più di tanto, il testo è quello che è del resto, non si possono far miracoli. 6 di incoraggiamento, direbbero i giudici di Ora o mai più.

21.04 NINO D’ANGELO E LIVIO CORI

Brano non proprio immediato, problemi di sonorità anche qui, ma Nino rende benissimo l’interpretazione sofferta di un canto napoletanissimo con un retrogusto etnico. 7

21.09 NEK

Da Nek mi aspettavo qualcosina in più, bei bassi sì, risposta ovvia al “fatti avanti amore”, Nek stavolta ci dice che “si farà trovare pronto”, ci ha messo un po’. Da riascoltare 7-

21.19 ZEN CIRCUS

Un pezzo difficile con un testo impegnato e d’effetto, letto su carta. L’interpretazione di Appino è decisamente sopra le righe, a tratti addirittura fuori, ma non ci si aspetta certo il bel canto dei successivi. Non sono mainstream, gran parte del gruppo d’ascolto non li ama, siamo giusto in due ad apprezzare, quantomeno lo sforzo di portare qualcosa di innovativo. No ritornello. 8

21.25 IL VOLO

L’inizio è “Grande amore” in versione leggermente più moderna, odioso l’acuto di Boschetto, posto come al solito in mezzo agli altri due. Sì, ok, sono bravi e il podio è assicurato. Da abbattere, loro tre, la canzone e la pochezza assoluta del tutto. 4

21.30 LOREDANA BERTE’

Canzone VascoRossiana che più non si può, Loredana vestita da sacco dell’indifferenziata con pochette ambigua, che lascia aperto il mistero. In ogni caso meglio di quanto ci si aspettasse da lei. 6

21.40 ANDREA BOCELLI E FIGLIO

Orso Chiacchierone: Bocelli canta con Baglioni, poi arriva il figlio a cui passa il chiodo che indossava venticinque anni fa e gli augura fortuna ma non deve fare lo scemo sennò non serve a niente, poi cantano insieme. Nessuno ha detto GUARDA a Bocelli.

Questo in risposta al fatto che sembra che Bisio abbia detto “guarda” a Bocelli.

21.57 DANIELE SILVESTRI

Un testo splendido, a mio avviso uno degli argomenti migliori (adolescenza sedata). Non immediato purtroppo, tutt’altro che orecchiabile e quindi poco comprensibile. Splendida la parte rappata da Rancore, attualmente il pezzo migliore. 9

22.14 FEDERICA CARTA E SHADE

Duetto insulso, nemmeno troppo sanremese, semplicemente inutile. Fanno rimpiangere Nesli e Alice Paba, dovrebbe bastare come giudizio. 2

La piega che sta prendendo questo festival non mi piace per niente. Lo show è misero (al momento Favino e la Raffaele stanno dando vita ad una delle gag più brutte degli ultimi anni)

22.20 ULTIMO

Bella performance per una canzone deboluccia, sopravvalutata.

Indubbiamente da riascoltare. 6

22.43 PAOLA TURCI

Midtempo un po’ svociato per la brava Paola Turci, purtroppo l’impressione che abbiano tutti problemi di audio si incrementa. Certo, non siamo nemmeno lontanamente vicini ai fasti di “fatti bella per te”, ma Paola ci piace. 8

22.48 MOTTA

Tipico di Motta, ripete, ripete, ripete una sola frase e ti entra in testa, uno dei testi migliori di quest’anno (e di testi belli ce ne sono). La voce è inconfondibile, il talento puro. Penalizzato da una regia epilettica, mai una gioia. 9

22.59 BOOMDABASH

Raggae piacevole che sveglia un po’ l’Ariston ma non smuove più di tanto…fa ancora troppo freddo per i Boomdabash, 6. Senza infamia e senza lode.

23.07 PATTY PRAVO E BRIGA

Problemi tecnici all’inizio stemperano un po’ il clima gelido della kermesse con Patty più svampita che mai (ma dal look giovanile che stona). La classe non si discute, l’apporto di Briga lascia il tempo che trova specie nella parte rap. Chi l’avrebbe mai detto? Briga canta meglio di come rappa. 5

23.12 SIMONE CRISTICCHI

Interpretazione emozionante e parole d’amore, di tenerezza, di eternità. Meriterebbe eccome il podio, se non la vittoria. Al massimo arriva settimo, per il premio della critica c’è troppa carne al fuoco. Mio personalissimo secondo posto. 8 e mezzo.

23.24 GIORGIA

Eccola qui, alla sedicesima ospitata in tre anni. Giorgia ci fa un bel medley di Jovanotti, nonmiricordochi e Whitney Huoston, infarcendo il tutto di uooooooo eeeeeeiiiiii sciuuuuuuu. Sì ok, sei una fenomena.

Baglioni si mette a duettare con lei su “come saprei”, viene voglia di cambiare canale, speravo la mettesse al suo posto ma niente, tocca tenesse sti “superospiti” discutibili e lasciar parlare il gruppo d’ascolto estasiato.

23.38 ACHILLE LAURO

Inqualificabile e senza dignità, magari sono troppo critica e “vekkia dentro” ma lo trovo a dir poco vergognoso come personaggio e come genere. Canzone senza senso, testo senza senso, che per carità, fosse questo il problema… il problema è che se devi scrivere una roba così devi esser bravo ad infilarci un guizzo di genio. E il verso più “significativo” è: “non è un drink, è Paul Gaiscogne” N.C.

23.43 ARISA

Menomale che ci pensa Rosalba Pippa in arte Arisa a risollevare gli animi del gruppo d’ascolto.

Un pezzo perfetto per l’eurovision, peccato che per parteciparvi dovrebbe vincere Sanremo e non succederà mai. Alla fine c’è davvero la svolta dance. 7

23.51 NEGRITA

Io no, io non mi aspettavo niente di più dai Negrita. Su 24 canzoni finiscono immediatamente a gareggiare per il nabikino d’oro “ah, c’eravate anche voi?” 5

0.14 GHEMON

Il testo “al femminile” mi aveva già colpito solo letto.

Lui bravo da matti, preciso effetto registrato, entusiasmo assoluto per quanto mi riguarda prende un voto altissimo. 9

00.26 EINAR

Il giovane Einar si presenta con un brano scritto da Tony Maiello. Non saprei, passa abbastanza inosservato e di parole nuove non se ne sentono granché. 5

0.32 EX OTAGO

Era Ora, il primo pezzo veramente “Sanremo style” arriva da una band indie. Il cantante è talmente caruccio che gli si perdona tutto, le cosce dietro le orecchie sono il verso top del festival intero. 5 e mezzo

0.41 ANNA TATANGELO

Anna Tatangelo fa Anna Tatangelo. Canta il superamento della crisi di coppia, non posso fare a meno di immaginare Gigi D’Alessio “nudo per la prima volta” e niente…non ce la faccio. Sono lontani i fasti di Bastardo. 5-

0.47 IRAMA

Canzone “gigiona” direbbe la Ventura, ci ricorda il meglio dei Gemelli diversi e di Masini. Argomento scottante ma “raffreddato”, già sentito. 6

0.53 ENRICO NIGIOTTI

Malinconico e nostalgico, una canzone dedicata al nonno scomparso che ci ricorda il meglio della tradizione toscana, verso top: “il fischio mentre pisciavi”. Tuttavia non si nega un secondo ascolto. 7

0.59 MAMHOOD

Questo ti rimane in testa, di quel ti rimane in testa che finisci per odiare. Voce che ricorda “Il Brusco”, indubbiamente una scossa a fine serata. 7 perché era la fine.

La fine di uno show piuttosto povero, con una Virginia Raffaele risparmiabile (si è anche fatta scappare un saluto ai Casamonica, per quanto battuta era comunque evitabile) e un Bisio fuori posto.

Baglioni tenta di metterci una pezza qua e la, ma l’impressione è che manchi proprio lo spettacolo e quando prende questa piega crollano inesorabilmente gli ascolti.

Basterebbero delle gag riuscite, delle spalle meno impacciate, dei riempitivi più briosi e degli ospiti meno inflazionati.

La classifica provvisoria è quanto di più prevedibile ci si potesse aspettare, eccetto la Bertè nella zona blu nessuna sorpresa.

I miei preferiti ovviamente sono quasi tutti in zona rossa, ma in zona rossa c’è anche Achille Lauro, quindi mi accontento lo stesso.

Per il momento è tutto dal gruppo d’ascolto, ci riproviamo domani con la speranza che qualcosa migliori.

Grazie dei fiori

la vostra

Nabiki :*

avatar

Nabiki

Amo le cose che non interessano a nessuno, guardo tanta tv ma con un occhio solo, bevo latte e menta, dormo cinque ore a notte, ho quattro carlini in meno di Marina Ripa di Meana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *